#rudefamilyradioshow meets LELE outta EASYFIRE (14.05.2012)

Disponibile in free download la puntata di lunedi 14 maggio 2012,

ospite in diretta telefonica dal SALENTO: LELE outta EASYFIRE

Clicca sull’immagine per scaricarla:

Annunci

OBAMA ELOGIA PUBBLICAMENTE YOUNG JEEZY

Lo scorso sabato notte, durante la prestigiosa White House Correspondant Dinner, la cena che si svolge presso la Casa Bianca che ospita le massime personalità dei medias televisivi e musicali, il presidente Obama durante il consueto intervento “di fine cena” è arrivato a raccontare dei propri gusti musicali, dichiarando di cantare continuamente le canzoni di Al Green, mitico artista di black music degli anni 70, e continua affermando di essere letteralmente “andato sotto” per il rapper Young Jeezy, il quale aveva mostrato uguale amore per il suo presidente dedicandogli il quarto singolo del suo disco “The Recession”; la canzone si chiamava per l’appunto “My president” ed era stata registrata e rilasciata con la collaborazione di Nas il giorno in cui Obama era stato dichiarato presidente. Nel 2008 Jeezy aveva tranquillamente dichiarato ai microfoni di MTV di essere sicuro “al 100%” in un riconoscimento da parte di Obama per la canzone a lui dedicata, e che si aspettava in sostanza una cordiale lettera di ringraziamento.Ebbene, dopo 4 anni, Obama ringrazia Jeezy e lo elogia elevandolo al rango degli artisti più notoriamente stimati, primo tra tutti “The King of NY” Jay-Z.

clicca qui per vedere il video

Quamine Taylor, un uomo un perchè

Un uomo dal nome Quamine Taylor è stato arrestato con l’accusa di essersi intrufolato l’altra note nella lussuosa villa di P.Diddy negli Hamptons, Hollywood. Taylor è riuscito ad accedere all’appartamento di Diddy, ha mangiato del cibo dal suo frigo, si è preparato dei drink presi dalla sua vetrina e ha indossato dei suoi abiti in camera da letto. Rintracciato dalla polizia e portato in una cella provvisoria, così racconta il New York Post, ha dichiarato con tranquillità di aver visitato la casa del rapper più di una volta dal 2001. Sembra infatti che diversi anni fa l’uomo abbia tentato di avvicinarsi a Diddy spacciandosi per suo cugino in un party negli Hamptons, per poi essere stato rinvenuto privo di sensi nella sua piscina. Allora ricevette una pesnate denuncia e una ispezione medica per insanità mentale, ora rischia il carcere, pur non avendo effettivamente portato via nulla dalla casa del rapper. Tutto dipenderà anche dalla benevolenza di Diddy nei confronti di un fan pazzo più che di un ladro.

G-DEP SI AUTOACCUSA DI OMICIDIO DEL 1993

Incredibile svolta nell’omicidio di John Enkel, cittadino Americano ucciso durante una rapina nel 1993 a New York City. L’FBI ha confermato l’arresto del rapper G-Dep, questa volta in via definitiva. Nel 2010 G-Dep andò addirittura a costituirsi al commissariato del 23rd district, dichiarando di aver sparato durante un tentativo di rapina ai danni della vittima, ma di non essersi accorto di averlo ucciso sul colpo. Tuttavia fu giudicato non colpevole di omicidio di primo grado, essendo il tuo avvocato riuscito a dimostrare la mancanza di volontà di uccidere, quindi la sua parziale colpevolezza. Ma le dichiarazioni dell’11 aprile scorso non hanno lasciato dubbi: G-Dep è realmente il colpevole dell’omicidio, come il rapper stesso ha dichiarato spontaneamente ai federali. G-Dep ha raccontato “I had a gun in the house and I brought it out one night, I got on my bike. My intent was to get some money and rob somebody. I saw a man standing on Park Avenue in Harlem, smoking a cigarette.I approached the man with a .40 caliber handgun and demanded money from Hencle, who put his hands up.Henkel attempted to grab the gun from me, but finally I shot him at point-blank range in the torso.” Questa confessione risulta incredibile poichè avviene dopo 17 anni dall’omicidio e oltretutto dopo una precedente scarcerazione. Se verrà giudicato colpevole, G-Dep è destinato ad una pena di 35 anni.

DIVORZIO IN CASA MOBB DEEP

Si fa sempre più certo il divorzio in casa Mobb Deep, come riportano I tabloid USA in questi giorni. Havoc e Prodigy sono stati visti litigare ad una recente partita dei NY Knicks, e questo ha riportato alla mente di tutti le recenti dichiarazioni poco incoraggianti di Prodigy riguardo ad un nuovo disco della crew e a un nuovo tour mondiale. Dal suo rilascio di prigione avvenuto nel 2011, Prodigy si è lentamente allontanato dal suo collega per motivi più personali che professionali. Come dichiara lui stesso, 50 Cent ha raggiunto Prodigy diverse volte in prigione, arrivando a proporgli 500.000$ per riprendere una carriera solista e senza la presenza di Havoc. 50 ha rivelato a Prodigy tutti i guai in cui si era cacciato Havoc per colpa del suo vizio dell’alcool, fino al punto di sottrarre soldi alla cassa dell’entourage dei Mobb Deep per giocare al casinò. Per di più, ha accusato Prodigy di aver sottratto quei soldi ed è andato a scontrarsi con lui in un faccia a faccia a casa sua. “Non ho intenzione di continuare così, la collaborazione sta fallendo” dichiara Prodigy, che ricordiamo aveva già firmato con la G-Unit dal 2005 al 2009 e ora, dopo un anno dal suo rilascio, rifiuta le chiamate di Havoc, ci litiga in pubblico, e promette che nulla sarà come prima “Posso dire al 120% che non uscirà più un altro album di Mobb Deep”.